Indietro

Luoghi - Comune - Comune di Copertino

Comune di Copertino

Copertino è un comune della provincia di Lecce. E' conosciuto come la Città del Santo dei Voli per aver dato i natali a San Giuseppe da Copertino. Secondo la tradizione la cittadina sorse nel 560 o nel 615 d.C. dall'unione degli abitanti dispersi di alcuni casali; verosimilmente il suo sviluppo potrebbe attestarsi nel 924 anno in cui i saraceni distrussero quei casali e straziarono la vicina Nardò. Dal XI al XIV secolo, dopo la dominazione bizantina, si succedettero le dinastie normanno-svevo-angioine . Tra la fine del '400 e la prima metà del '500 Copertino era divenuto un interessante polo commerciale grazie soprattutto alle infinite distese di uliveti i cui frutti venivano macinati in numerosi frantoi ipogei, mentre l'olio veniva trasportato nel vicino porto di Gallipoli per essere spedito nei paesi nordici. Con l'avvento degli Aragonesi al potere, i quali lo conquistarono con l'aiuto dell'esercito spagnolo e alcuni cavalieri albanesi, nel 1498 la contea di Copertino fu concessa ai Castriota Granai, in segno di gratitudine per l'aiuto prestato. Con la loro presenza, durata quasi tutta la prima metà del Cinquecento, Copertino visse il periodo più aureo della sua storia. Nel Rinascimento l'architettura civile vede la nascita di sontuosi palazzi anche al di fuori delle mura del centro abitato, che con i suoi ventitré torrioni e le due porte denominate del Castello e del Malassiso, costituiscono uno spazio decisamente angusto in confronto alla sua evoluzione demografico-spaziale. Ben sei complessi conventuali, vi sorgevano sul finire del XVI secolo. Nel 1580 ad opera del canonico don Cesare Desa sorse la prima tipografia stabile di tutta la Terra d'Otranto. Nel Seicento Copertino vive i fasti della storia con i prodigi del suo figlio maggiore: fra Giuseppe Desa da Copertino. Un francescano dai miracolosi prodigi che, dopo il transito terreno, la Chiesa elevò agli onori degli altari. Il Settecento fu segnato da carestie, terremoti e pestilenze. Ma Copertino se sembrò sfuggire a questi infausti eventi non poté salvarsi, invece, dalla morsa fiscale dei Borbone. La rivoluzione napoletana del 1799 aprì le porte del Regno di Napoli ai francesi. Per Copertino l’inizio dell'era contemporanea fu un lungo e faticoso cammino, il paese impiegherà tutto l'Ottocento per scrollarsi quei retaggi di un feudalesimo che ne aveva blindato il sapere e le energie dei suoi uomini. Il Regio Demanio collocherà ancora una volta uomini avidi di cose e di potere. La ridefinizione dei confini territoriali non assegnerà a Copertino nemmeno una marina, nonostante in antico regime i copertinesi provvedevano alla manutenzione della torre Squillace (o Scianuli). I suoi conventi e le sue chiese saranno depredati da cosiddetti ricevitori del Demanio che si impossesseranno delle opere d'arte o le faranno migrare altrove. Gli animi dei copertinesi cominciarono a ribellarsi. Si costituiranno anche qui sette carbonare. L'economia copertinese è fortemente legata all'agricoltura. Gli estesi vigneti che circondano la città rappresentano infatti uno dei punti di forza dell'economia locale. Famosi sono i vitigni di questa città, tra cui quello rosso del Negroamaro, e i vini prodotti da questo tipo d'uva: tra i tanti si ricordano il Copertino Rosso che ha ottenuto nel 1976 il riconoscimento della denominazione di origine controllata, il Copertino Rosato, il Copertino Rosso Riserva. Importante è anche la produzione olivicola con la presenza di alcuni oleifici e la produzione artigianale con botteghe che si dedicano alla realizzazione di manufatti artistici in cartapesta, pietra, terracotta, vetro e ferro. Rilevante è la produzione industriale con la presenza di piccole e medie imprese. Passeggiando per le vie cittadine non passano inosservate le vetrine delle botteghe artigianali che si dedicano alla produzione di manufatti artistici. Souvenir e oggetti d'arte sono realizzati dai maestri artigiani del luogo rispettando le tecniche artistiche tradizionali. Cartapesta, pietra, terracotta, vetro e ferro sono i materiali che attualmente si adoperano per una duplice produzione: una impegnata a soddisfare richieste di forme e modelli tradizionali, l'altra rivolta alla sperimentazione dell'uso di questi materiali "poveri" nel settore del design. Eventi: Febbraio - In questo mese si festeggia il carnevale. Maschera tradizionale del paese è Lu Paulinu. Aprile - Il primo martedì dopo Pasqua si celebra la Madonna della Grottella. Luglio - Nel mese di luglio si svolge la festa della birra. Agosto - Il 5 agosto si celebra la Madonna della Neve. Settembre - Il 18 settembre si celebra San Giuseppe da Copertino.
Back

Luoghi - Comune - Comune di Copertino


Calcola Posizione Ottieni Indicazioni

Indicazioni

Luoghi - Comune - Comune di Copertino

Luoghi - Comune - Comune di Copertino

Luoghi - Comune - Comune di Copertino